Come velocizzare il notebook con un SSD Drevo ES 128Gb

Quante volte ti è capitato di aspettare un tempo interminabile davanti al notebook aspettando che si accenda o che apra il browser? Vuoi velocizzare il notebook ma non sai cosa fare? Ogni portatile con il passare del tempo tende ad essere sempre più lento a causa del deteriorarsi delle componenti, dei continui aggiornamenti del sistema operativo e per applicazioni sempre più pesanti.

Fino a poco tempo fa l’unica soluzione possibile sarebbe stata mandare in pensione il vecchio portatile per acquistarne uno fresco di negozio. Oggi non è più così! È possibile velocizzare il notebook e quindi far tornare ogni portatile (anche i più vecchi!) ad avere prestazioni al top. Grazie ad un disco SSD è possibile migliorare la velocità del proprio portatile a livelli mai visti prima, stenterete a credere ai vostri occhi!

Ho realizzato questa semplice guida che ti spiegherà come velocizzare il notebook con un disco SSD al posto del tradizionale disco meccanico.

Cosa serve per velocizzare il notebook?

Il portatile

Ovviamente per velocizzare il notebook bisogna avere il portatile da potenziare! Nel mio test ho utilizzato un notebook economico prodotto da ASUS con la seguente scheda tecnica:

  • CPU – Intel i3 6006U (GPU integrata)
  • RAM – 4Gb DDR4
  • HDD – 500Gb SATA3
  • Display – 15″ HD

Ti faccio notare che si tratta di un portatile a basso costo, è disponibile su Amazon EUR 325,00. Le sue prestazioni sono in linea con il prezzo d’acquisto, il sistema operativo gira in modo abbastanza fluido ma non chiedetegli di gestire più software o più tab di Chrome contemporaneamente, rallenta moltissimo.

Il disco SSD

Per velocizzare il notebook Asus ho avuto la possibilità di testare un disco SSD prodotto da DREVO, il modello ES da 128Gb.

Questo SSD abbina una buona velocità di lettura e scrittura ad un design raffinato e la chicca della tecnologia 3D MLC NAND che assicura prestazioni di livello durature nel tempo (il produttore dichiara un TBW pari a 350TB).

Drevo propone questo disco ad un prezzo molto interessante (Non disponibile su Amazon) vista la qualità del prodotto, ricordiamo che non è un prodotto cheap grazie alla tecnologia 3D MLC NAND.

LEGGI ANCHE:  Miglior smartphone Android - Guida all'acquisto

Kit cacciaviti

Ogni appassionato dovrebbe acquistare un kit di cacciaviti appositamente studiato per smontare computer, smartphone o altro. L’importante è che il kit abbia punte magnetiche, diversi tipi di punta, allungatore flessibile.

Personalmente vi consiglio questo, pratico ed economico!

Quali sono i vantaggi di un disco SSD rispetto ad un hard disk meccanico

Per riassumere tutti i vantaggi nel dettaglio serve un articolo a parte, puoi approfondire infatti leggendo la nostra guida ai migliori dischi SSD che ti indicherà i migliori SSD per velocizzare il notebook.

Riassumendo questi sono i principali vantaggi di un disco SSD:

  1. Velocità – Un SSD è fino a 10 volte più veloce di un HDD
  2. Rumorosità – Un SSD non ha parti meccaniche che si traduce in 0db di rumore
  3. Resistenza – Un SSD, non avendo parti meccaniche, non soffre urti e cadute
  4. Frammentazione – I dati vengono archiviati in modo uniforme
  5. Temperature – Un SSD mantiene sempre temperature più basse

Come montare un disco SSD nel notebook?

Posiziona il notebook su una superficie piana.

Ruota il notebook così da poter lavorare sulla parte inferiore (fai attenzione a non graffiare la parte superiore del tavolo, usa un panno se necessario).

Individua le viti che bloccano la plastica che copre HDD e RAM. Svita le viti di blocco e fai scorrere il pannello.

Individua l’hard disk e le viti che lo bloccano alla scocca, smonta l’hard disk.

L’HDD è inserito un on case, svita le viti che lo fissano.

LEGGI ANCHE:  I migliori smartphone economici rugged IP68

Inserisci l’SSD nel case vuoto facendo attenzione a rispettare il senso d’inserimento. Avvita le viti di fissaggio per tenere ben saldi SSD e case.

Individua l’attacco SATA del notebook e reinserisci l’SSD esattamente com’era precedentemente l’HDD.

Avvita le viti di fissaggio quindi chiudi il pannello posteriore.

Cosa fare dopo aver montato un disco SSD?

Esistono principalmente 2 filosofie di pensiero:

  1. Installazione pulita del sistema operativo (consigliata!)
  2. Copia dal precedente HDD

Installazione pulita di Windows

Per l’installazione pulita basterà installare Windows 10 (o un altro sistema operativo) direttamente con una chiavetta USB per godere appieno della velocità del nuovo disco SSD. Un’installazione pulita del sistema operativo permetterà di velocizzare il notebook al meglio e avere una maggiore velocità complessiva e magari ci permetterà di gestire al meglio il software installato.

Copia dal precedente HDD

Per questa procedura dobbiamo procurarci un adattatore USB-SATA che possiamo facilmente reperire su Amazon, ti consiglio questo UGREEN.

Una volta acquistato l’adattatore che ci permetterà di collegare il disco SSD alla porta USB del nostro portatile dobbiamo scarica il software che clonerà il contenuto dell’HDD sul disco SSD.

Uno tra i migliori software che posso consigliare è EaseUS Todo Backup, abbastanza facile e intuitivo da utilizzare. Riassumendo all’osso questa sarà la procedura da seguire:

  1. Installare il software
  2. Collegare l’SSD
  3. Cliccare su Clone
  4. Seguire le istruzioni per clonare l’intero sistema operativo
  5. Quando il processo è completo potrete sostituire l’HDD con l’SSD
  6. Prima di formattare il vecchio hard disk assicuratevi che la copia sia completa e perfettamente funzionante.

Cosa farne del vecchio hard disk meccanico?

Una volta installato il sistema operativo sul disco SSD possiamo trasformare il vecchio hard disk formato 2,5″ in un pratico hard disk esterno con interfaccia USB 3.0, ci basterà acquistare un box dove “infilare” l’HDD.

Su Amazon esistono decine di diversi box, io vi consiglio questo prodotto da Aukey, pratico, resistente ed economico!

LEGGI ANCHE:  I migliori monitor pc - Guida all'acquisto

Quanto migliora il notebook con un disco SSD?

Lascerò che siano le immagini a parlare!

Velocità di lettura e scrittura Hard Disk tradizionale
Velocità di lettura e scrittura SSD Drevo ES 128Gb

Velocizzare il notebook non è mai stato così veloce. Come puoi vedere il disco SSD è estremamente più veloce rispetto ad un tradizionale hard disk meccanico! Questa velocità di riassume in tempi di avvio ridotti all’osso, applicazioni che si aprono quasi istantaneamente e tempi di attesa generali quasi nulli.

Il portatile economico usato per il test è praticamente rinato, l’accensione adesso è fulminea, in circa 15 secondi il portatile è pronto al lavoro contro il minuto abbondante necessario prima. Aprire più applicazioni (sempre in modo limitato visti i 4Gb di RAM) o più TAB di Google Chrome non è più miraggio, il sistema è in generale molto più fluido e scattante permettendo un’esperienza d’uso nettamente migliore. Con un semplice disco SSD sono riuscito a velocizzare il notebook nel miglior modo possibile.

Il portatile adesso non ha nulla da invidiare a modelli che costano anche il doppio del suo prezzo e, con una spesa complessiva inferiore a €400 ho un dispositivo pronto a qualsiasi utilizzo, una macchina perfetta per scrivere, navigare sul web, vedere film in streaming e utilizzare applicativi più o meno pesanti.

L’upgrade con questo SSD Drevo ES da 128Gb è costato circa €65, non male considerando che il portatile è praticamente rinato. Ci tengo a sottolineare che questo SSD oltre ad offrire buone performance garantisce anche un buona durata nel tempo grazie alla tecnologia 3D MLC NAND.

Ti consiglio quindi di acquistare un disco SSD per il tuo portatile, come hai visto ci vogliono 5 minuti per montarlo e ti assicuro che una volta che avrai scoperto le prestazioni di un SSD non riuscirai più a tornare indietro!

Non perdere le nostre guide e le nostre recensioni, seguici su: